In caso di interventi su parti strutturali di un edificio esistente o nella realizzazione di nuove costruzioni e/o ampliamenti, è richiesto l’autorizzazione alla realizzazione delle opere, rilasciata dal Genio Civile competente (Autorizzazione sismica).

Nella Regione Lazio il tipo di opere che necessitano di autorizzazione, diversificate a seconda dell’iter da compiere, è stabilito dal Regolamento regionale 13 luglio 2016 n. 14.

Questo regolamento contiene tutte le procedure inerenti le strutture ricadenti in zona sismica. In particolare prevede tre categorie:

  • Interventi che non necessitano di autorizzazione sismica, in questa categoria ricadono ad esempio:

    • Gli interventi su elementi non strutturali, quali tramezzi interni;

    • Installazione di scale interne alle abitazioni prefabbricate, in legno o acciaio;

    • Installazione di infissi;

    • Realizzazione di muri di recinzione di altezza massima 1m;

    • Installazione di pannelli solari o fotovoltaici di peso massimo 20 Kg/mq.

  • Interventi che possono essere asseverati dal tecnico senza controllo del Genio Civile (viene fatto comunque un controllo a campione che spiegheremo successivamente) ad esempio:

    • Nuovi edifici di altezza massima 2 piani;

    • Muri di sostegno, tettoie e portici, fino ad un altezza massima di 3,5m;

    • Apertura di porzioni di murature portanti o solai, per realizzazione di vani porta o finestra, o installazione di finestrature tipo Velux o scale interne;

    • Installazione di pannelli solari o fotovoltaici di peso compreso tra 20 Kg/mq e 150 Kg/mq.

  • Interventi sottoposti a controllo obbligatorio della commissione sismica del Genio Civile, in questa categoria rientrano, tra gli altri:

    • I progetti di opere pubbliche;

    • I progetti di opere private finanziate da enti pubblici;

    • I progetti di sopraelevazione delle strutture esistenti e quelli adeguamento sismico.

Come avviene il controllo del progetto? In che casi? E quanto tempo ci vuole per il rilascio dell’Autorizzazione Sismica?

Come accennato il controllo dei progetti presentati è obbligatorio per tutte le opere rientranti nella categoria 3, ma viene fatto a campione anche per la categoria 2! A campione vuol dire, che di tutti i progetti presentati, settimanalmente, vengono sorteggiati una percentuale del 5% o del 15%, dipendente dalla zona sismica, di progetti che vengono poi sottoposti al controllo della commissione sismica.

Le tempistiche per il rilascio della Autorizzazione Edilizia, in caso di non sorteggio, sono molto rapide, indicativamente 10gg, nel caso si venga sorteggiati il controllo della Commissione Sismica può essere molto lungo, non che prevedere la richiesta di documentazione integrativa ritenuta rilevante. Nel caso specifico di Roma, attualmente, viene data priorità ai progetti Pubblici, che non sono pochi… creando quindi un ritardo nelle tempistiche di rilascio per le altre opere…

A seguito del rilascio dell’Autorizzazione Sismica, sarà necessaria la nomina di un Direttore dei Lavori Strutturale, nonché in determinati casi di una Collaudatore, che verificheranno la corretta esecuzione delle opere, coadiuvando le imprese incaricate.

Al termine dei lavori sarà necessario presentare un Collaudo Statico, che in alcuni casi potrà essere controllato mediante un sopralluogo del responsabile del procedimento incaricato.

Come vedete gli adempimenti da compiere non sono pochi e richiedono un elevata capacità tecnica, oltre che diverse figure professionali, Ingegnere, Collaudatore, Architetto, Geologo…

Se volete una consulenza per la realizzazione di queste opere non esitate a contattarci, avrete a disposizione un team di figure professionali con il quale potrete discutere, tutti presenti in un’unica struttura!!

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA


Inviando questo messaggio do il consenso al trattamento dei dati personali